Dai “Lollars” al Default: la crisi finanziaria del Libano

Damager after 2020 Beirut Explosions

L’esplosione nel porto di Beirut – la più grande deflagrazione non nucleare della storia – che ha causato 178 vittime, oltre 6.500 feriti e 300.000 senzatetto nell’Agosto 2020 è stata una tragedia evitabile.
Era anche impossibile nasconderla.

Si sarebbe potuto evitare anche il crollo del sistema finanziario e la conseguente crisi finanziaria del Libano. Questo era, tuttavia, meno visibile.

Una serie di misure stabilite dalla Banca centrale libanese (Banque du Liban, BDL) e dal governo ha nascosto l’inevitabile default mediante strumenti di ingegneria finanziaria e l’ancoraggio tra lira e dollaro.

Mentre tutte le soluzioni per porre fine alla crisi saranno dolorose, riformare il sistema è un’impresa fattibile. Questo perchè la situazione attuale non è il risultato di fattori esterni, ma piuttosto di un sistema politico e di governo economico mal funzionante (e endemicamente corrotto).

Come si è arrivati alla crisi finanziaria del Libano?

Quando, nell’ottobre 2019, la società civile libanese ha iniziato a protestare in tutto il Paese chiedendo riforme politiche, l’economia era già arrivata alla stagnazione e la crisi economica del Libano era alle porte. All’epoca si prevedeva che il rapporto debito/PIL fosse del 155 %, facendo del Libano uno dei paesi più indebitati al mondo.

Nonostante le dimissioni del primo ministro Saad Hariri il 29 ottobre, la mancanza di fiducia nell’economia e nel sistema bancario ha portato alla fuga di capitali tra i 3 e i 4 miliardi di dollari.

Questo importo è stato prelevato mentre le banche sono state ufficialmente chiuse alla (maggior parte) dei clienti dopo la rivolta di ottobre. Quando le banche hanno riaperto, i clienti “normali” hanno trovato sempre più difficile prelevare contanti dai loro conti in dollari USA.

Questo, a sua volta, ha portato il tasso di mercato nero dell’USD a salire alle stelle. La sterlina libanese ha perso circa il 90% del suo valore dalla fine del 2019. Dal suo tasso bancario ufficiale fisso di 1.507 lire per USD, ha raggiunto le 13,125 lire.
Ciò ha coinciso con il termine “lollar” che è apparso sui social media. Un gioco di parole tra il termine “dollaro” e l’acronimo “lol”, ovvero un dollaro libanese, o un dollaro americano bloccato nel sistema bancario libanese: una voce in un computer senza valuta corrispondente.

Le banche non avevano liquidità sufficiente: non erano più in grado di restituire i depositi dei clienti perché non erano più lì.
Questa mancanza di responsabilità, che aggiunge la beffa al danno, è resa possibile anche dal fatto che i clienti non hanno la possibilità di ricorrere legalmente: possono andare in tribunale ma perderanno in quanto non esiste alcuna legge che li protegga in questa situazione.

L’economia libanese: un sistema imperfetto

Dan Azzi, analista economico ed ex dirigente di banca libanese, che ha inventato il termine lollar, scompone le cause della crisi evidenziando tre punti.

  1. Gli espatriati libanesi che vivono all’estero hanno inviato i loro risparmi in USD in Libano per la pensione. Questi depositi sono stati poi utilizzati per sostenere l’ancoraggio della lira.
  2. Ciò ha permesso all’ancoraggio – introdotto nel 1997 – di essere stabile negli ultimi 20 anni mentre, allo stesso tempo, ha sopravvalutato la valuta libanese, portando i libanesi a vivere al di sopra delle proprie possibilità.
  3. Una volta che i banchieri libanesi fossero stati in grado di attrarre gli investimenti degli espatriati attraverso l’ingegneria finanziaria, avrebbero prestato i soldi al BDL a tassi di interesse molto alti e il BDL avrebbe usato questi fondi per le importazioni.

L’attuale ammontare delle riserve dichiarate in Libano è stimato in circa 15 miliardi di dollari in contanti e altri 15 miliardi in oro, che rappresentano circa un anno e mezzo del PIL, che si attesta a 20 miliardi.
In teoria, il Paese è ricco: il motivo della crisi finanziaria del Libano è che il numero di richieste è di importi troppo elevati.

Secondo Azzi, l’unica soluzione, seppur dolorosa, è ridurre le pretese attuando dei tagli. L’analista spiega che le riserve vengono sprecate in sussidi come il carburante o che i fondi lasciano il paese attraverso un sistema che favorisce le persone potenti e ben collegate.
A questo ritmo, aggiunge, in circa 15-18 mesi, i depositi rimanenti spariranno e rimarrà solo l’oro. La prossima tappa, se non si farà nulla per impedirlo, sarà quella di trovarsi in uno scenario simile a quello di Mogadiscio nel 1993.

Per l’economia libanese, una delle conseguenze dell’ancoraggio della valuta libanese al dollaro USA – a un tasso inflazionato – è stata che il Libano non era più competitivo rispetto ai suoi vicini e, come tale, è cresciuto dipendente dalle importazioni.

Beirut Central District: simbolo della crisi finanziaria libanese

Mike Azar, consulente per la finanza del debito ed ex docente di economia internazionale presso la Johns Hopkins School of Advanced International Studies di Washington DC, crede che la crisi avrebbe potuto essere evitata e sottolinea la necessità di una riforma della governance politica.
Uno degli strumenti che ritiene necessari è la creazione di un comitato direttivo della crisi economica per analizzare la complessità delle questioni in modo olistico da esperti qualificati e senza conflitti di interesse.

In sostanza, l’ancoraggio col dollaro è insostenibile e non incentiva le riforme. Inoltre, a causa del modo in cui funziona l’attuale sistema, il denaro degli aiuti esteri contribuisce alla svalutazione della moneta, che alla fine danneggia tutti. Secondo il professor Azar,

“La comunità internazionale pensa ancora di avere a che fare con un governo [in Libano], ma non c’è governo: è pura anarchia”.

Spiega che l’ammortizzatore sociale che si sta creando serve solo a mantenere calme le strade per le future elezioni; manca di pianificazione, supervisione o sostenibilità.

Il prestito di 246 milioni di dollari della Banca Mondiale, le cui condizioni sono state concordate lo scorso gennaio, offre un esempio del malfunzionamento del sistema: il prestito doveva sostenere più di 150.000 famiglie più povere del Libano con elargizioni mensili in contanti, tuttavia, è stato sospeso dalla Banca mondiale alla fine di maggio.
L’istituto finanziario internazionale ha chiesto al governo di chiarire le ragioni alla base delle modifiche del ministro degli Affari Sociali sul prestito di 246 milioni di dollari destinato alle famiglie più bisognose in Libano prima di sbloccare i fondi. A questo punto, il professor Azar ritiene improbabile che il prestito arrivi.

Le responsabilità che nessuna istituzione vuole prendersi

A seguito delle proteste di piazza di mercoledì, il governatore del BDL Riad Salameh ha rassicurato i depositanti ieri che la Banca centrale non è in bancarotta.
Ha aggiunto che i depositi delle persone sono al sicuro e verranno restituiti presto, annullando la decisione di interrompere i prelievi dai depositi in dollari a un tasso più elevato rispetto al cambio ufficiale ma molto più basso del tasso del mercato informale.
Questo lo colloca effettivamente a circa un terzo del valore del mercato nero dell’USD – difficile considerarlo un buon affare – sebbene rimanga l’unico modo per molti di accedere ai propri fondi.

Le banche libanesi hanno bloccato i conti in dollari e bloccato i trasferimenti all’estero. Ma da quando è stata emessa la Circolare 151 lo scorso anno, ai depositanti è stato permesso di prelevare dollari, con i fondi pagati nella valuta locale ad un tasso di 3.900 sterline.

In un video pubblicato mesi fa, il governatore Salameh ha affermato che i fondi che il BDL ha prestato al governo erano in lire libanesi e non in dollari, chiarendo che i fondi utilizzati per le importazioni sono la ragione della diminuita liquidità bancaria.
Ha anche aggiunto che il BDL è consapevole che i dollari dei depositanti sono andati a finanziare le importazioni, citando la mancanza di qualsiasi responsabilità in materia da parte della banca centrale.
E’ stato contattato l’ufficio del governatore, ma non era disponibile per un commento al momento della scrittura.

Per capire come la crisi abbia influito sulla vita quotidiana dei libanesi, basta vedere le lunghe code ai distributori di benzina, agli sportelli bancomat, le interruzioni di corrente più lunghe del solito o il prezzo dei generi alimentari che è aumentato del 400%.

Luna Safwan – giornalista libanese e attivista per i diritti umani – nota:

“Abbiamo quattro ore di elettricità al giorno, i generatori funzionano 24 ore su 24, gli ospedali non possono permettersi di funzionare, è impossibile fare un giro al supermercato senza spendere 1.000.000 di lire per le spese di base merci… per non parlare dell’attuale frazione politica, e dei politici che si comportano come adolescenti”

In effetti, l’attuale governo libanese agisce in veste di custode.
La paralisi politica e la mancanza di responsabilità hanno complicato una crisi economica già disastrosa: leader politici irritabili sono incapaci di formare un nuovo governo e attuare le riforme necessarie per sbloccare gli aiuti esteri.

Il Libano è privo di un governo da quando la massiccia esplosione nel porto di Beirut lo scorso agosto ha distrutto aree della capitale. Il primo ministro designato Saad al-Hariri (lo stesso che si è dimesso nel 2019, in uno scenario che ricorda il gioco delle sedie) ed il presidente Michel Aoun da mesi non riescono a mettersi d’accordo sulla nomina dei ministri.

Nel suo recente rapporto, la Banca Mondiale ha classificato la crisi finanziaria ed economica del Libano tra le prime dieci, forse le prime tre, crisi più gravi a livello mondiale dalla metà del diciannovesimo secolo.

Nel marzo 2020, il Libano non ha rimborsato un Eurobond da $ 1,2 miliardi, il primo default sovrano nella storia del paese. Non era mai successo prima, nemmeno durante i 15 anni di guerra civile.
Il futuro del Paese non può permettersi ulteriore inerzia.

Credits

Traduzione del mio articolo per ISPI del 04/06/2021

Top Image from the Mehrnews.com website

“Beirut Central District” image from Hussein Abdallah

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.